Sin.Me.Vi.Co

Sindacato Medici Visite di Controllo     							

      

torna all'  indice del sito

  torna alla sezione  informazioni

 

 

 

 

Roma, 10 maggio 2018. Comunicato n°:  192

 

 

A tutti i medici di controllo INPS, iscritti e non iscritti al Sinmevico

ed alle Associazioni e Sindacati di categoria.

 

 

possibilità compenso orario_analisi Sinmevico

(elaborazione in corso. risultati parziali)


 

(tutti i dati che seguono si riferiscono a 2 fasce

ed a importi lordi.

gli importi netti debbono essere calcolati sottraendo ca il 40% da quanto riportato

e quelli per una fascia dividendo gli importi per 2)

 

 

 

1, DATI DI RIFERIMENTO (2 fasce):

 

dalla proposta INPS del 17 aprile:

4,33 sett. /mese

5,25 giorni. /sett.

22,74 (22) giorni /mese

38 ore /sett. (42 ore /sett.)

3 VMCD /giorno (min)

8 VMCD /giorno (max)

66 VMCD /mese (min)

176 VMCD /mese (max)

compenso totale /mese (176visite / lordo) 64.557

compenso totale 11 mesi (176visite / lordo) 5.868

 

dalla proposta INPS del 25 aprile:

VMCD /anno 1.555.000

costo visite 68.5milioni

compenso /visita 44

medici 1.000 

media visite /mese /medico 141 (calcolato in base alla disponibilità economica ed all'importo 44 come compenso per visita)

media visite /medico /anno 1556

visite garantite /medico /mese 90 

carico di lavoro di riferimento 6 visite /giorno (132 /mese)

carico di lavoro massimo 8 visite /giorno (176 /mese)

compenso totale /medico /11mesi /141visite (lordo): 68.444

compenso totale /medico /mese /141visite (lordo): 6.222

compenso totale /medico /11 mesi /90visite (lordo): 43.560

compenso totale /medico /mese /90visite (2 visite a fascia) (lordo): 3.960 (44euro /visita)  

compenso totale /medico /mese /132visite (3 visite a fascia) (lordo): 5.808 (44euro /visita)  

costo visite (90/mese): 43.560.000 (2019)

costo visite (totale max): 68.444.444 (2019)

+ rimborsi km.

 

dati SMI, incontro del 9 maggio:

risorse disponibili: 88 milioni, di cui 18 milioni da INPS.

38 ore /settimana

una visita = un'ora.

 

 

2, DATI DI RIFERIMENTO, MEDIE UTILIZZATE (2 fasce) :

risorse economiche: 70milioni

medici: 1.000

ore settimana: 40 (38-42)

ore mese (40x22): 173

 

 

3, SIMULAZIONE RETRIBUZIONE SU BASE ORARIA:

compenso ora (70.000 :11 :173) = 36 euro /ora =   6.473   euro / mese (doppia fascia, lordo)

(netto: meno ca 40 %; fascia singola: meno 50%)

 

questa ipotesi presenta 3 problemi:

1, INPS utilizzerebbe l'intera disponibilità oraria, essendo già tutta pagata,

con un carico di lavoro tendente all' insostenibile   176   visite /mese.

2, questa ipotesi porta a compensare allo stesso modo disponibilità ed effettuazione delle visite,

ovvero si avrebbero medici con basso carico di lavoro allo stesso compenso di medici con alto carico.

3, come segnalato nell'incontro del 9 maggio, si potrebbe determinare una condizione di compenso al limite della norma.

 

 

4, SIMULAZIONE RETRIBUZIONE SU BASE MISTA (ORARIA E VISITA,  AL 50%):

è possibile utilizzare il 50% delle risorse disponibile per l'indennità oraria

e l'altro 50% come compenso per le visite

(in presenza di una retribuzione mista, l'indennità oraria dovrebbe essere sempre percentualmente inferiore

 rispetto al lavoro effettivo e comunque mai superiore al 50%, che risulterebbe essere già una percentuale critica).

si avrebbe:

indennità oraria (70.000 :11 :2):   3.236   

addizione per visita (3.236 diviso per 176): € 18 ca

da cui:

aree con basso numero di visite disposte (1 per fascia, ovvero 44 mese): € 792. compenso totale /mese:   4.028   (doppia fascia, lordo)

aree con alto numero di visite disposte (3 per fascia, ovvero 132 mese): 2.376. per un totale /mese di   5.612   (doppia fascia, lordo)

(e ulteriori combinazioni).

 

questa ipotesi presenta 1 problema:

il compenso della disponibilità potrebbe essere considerato alto rispetto al numero di visite effettuato (struttura compenso al limite della norma).

 

 

4, SIMULAZIONE RETRIBUZIONE SU BASE MISTA (ORARIA E VISITA,  40%-60%):

si avrebbe;

indennità oraria (70.000  :11  x40%):   2.545   

addizionale per visita (70.000  :11  x60%  :176): € 22 ca

ne risulta:

aree con basso numero di visite disposte (1 per fascia, ovvero 44 mese): € 968. compenso totale /mese:   3.513   (doppia fascia, lordo)

aree con alto numero di visite disposte (3 per fascia, ovvero 132 mese): 2.904. totale   5.449   (doppia fascia, lordo)

 

 

5, CONCLUSIONI:

a questo punto il ragionamento deve partire dal fatto che l'idea del compenso orario

è conseguente all'intenzione di garantire

1, un compenso per la disponibilità

e, 2, un compenso certo,

soprattutto in riferimento alle aree a rischio di basso carico di lavoro.

 

deve essere notato però che

più si inseriscono elementi orari, più aumenta la convenienza per lNPS disporre il numero massimo di visite,

con la facilità che i determini un carico di lavoro eccessivo e disfunzionale di visite, a parità di compenso.

(il carico di lavoro è un elemento da considerare con attenzione,

perchè questo tipo di attività può richiedere centinaia di km extraurbani /giorno

e coinvolgere l'intera giornata, dalla mattina alla sera, compresi i fine settimana.

si tratta di una attività che non può essere paragonata ad un lavoro sedentario con orari convenzionali).

 

deve essere poi notato che la proposta INPS del 25 aprile

comprendente 90 visite garantite /mese, al di fuori di ipotesi orarie,

con le successive possibili visite compensate senza riduzione degli importi /visita.

questo:

1, supera la garanzia che si otterrebbe con l'ipotesi oraria-prestazione combinata (unica ipotesi oraria possibile)

per le aree con basso numero di visite.

2, tende a determinare un carico di lavoro più sostenibile, a parità di compenso, dato che l'INPS deve pagare per ogni visita oltre il minimo garantito

 

ORA,

la modalità oraria (combinata oraria-prestazione, unica ipotesi oraria possibile) è proposta al fine di compensare la disponibilità e di garantire il carico di lavoro.

ma se questa modalità determina importi mensili globali equivalenti o inferiori a quelli determinati dalla proposta INPS

di carico minimo garantito (90visite/mese a 44euro/visita) (che si può anche rivedere al rialzo ?)

e se comporta la tendenza ad una carico di lavoro critico.

quale risulta essere la modalità più adeguata per i medici di controllo ?

 

 

 

certamente l'impostazione con garanzia di 90 visite /mese, proposto da INPS comporta un netto garantito di solo ca 2.376,

che per una fascia si riduce a 1.188,

ma non sembra che sia il sistema orario a poter migliorare la situazione,

a meno di considerare ammissibili i 3 problemi presentati dal compenso orario puro.

 

 

 

 

 

Dr. Cesidio Di Luzio

Presidente Sinmevico