Sin.Me.Vi.Co

Sindacato Medici Visite di Controllo     							

      

torna all'  indice del sito

  torna alla sezione  informazioni

 

  

 

 

 

Roma, 2 ottobre 2016. Comunicato n°:  149

 

A tutti i medici di controllo INPS, iscritti e non iscritti al Sinmevico.

 

 

Oggetto:

interrogazione parlamentare presentata da Delia Murer.

 

 

Atto Camera,
Interrogazione a risposta scritta 4-14375

seduta 683 del 30 set. 2016

primo firmatario: Delia Murer, Gruppo: Partito Democratico, data firma: 30 set. 2016

co-firmatario: Michele Mognato, Gruppo Partito Democratico, data forma 30 set. 2016

 

Ministero destinatario:

Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione

attuale delegato a rispondere: Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione

delegato in data 30/09/2016

 

iter in corso

 

 

Murer e Mognato_Al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione_Per sapere_premesso che:


l'articolo 17, comma 1, lettera l), della legge n. 124 del 2015, sancisce il trasferimento all'INPS delle funzioni di accertamento medito legali (visite fiscali) sui dipendenti pubblici assenti dal servizio per malattia

dando vita, così, al polo unico di medicina fiscale, con la previsione, per lo svolgimento di dette funzioni, del prioritario ricorso ai medici inseriti nelle liste ad esaurimento di cui all'articolo 4, comma 10-bis,

del decreto-legge 31 agosto 2013 n. 101, convertito, con modificazioni, nella legge 30 ottobre 2013, n. 125;
le visite fiscali possono essere svolte sia al domicilio indicato dal lavoratore che presso i centri medico legali dell'INPS nel caso in cui il lavoratore sia risultato assente

oppure per particolari verifiche sanitarie e/o amministrative;


con la determinazione presidenziale n. 147 del 12 novembre 2015, l'INPS ha effettuato una selezione per un contingente di 900 medici a cui conferire incarichi di collaborazione professionale

finalizzati all'espletamento delle attività medico legali da svolgere presso i centri dell'Istituto;


alla pagina 4, punti 3 e 4, la deliberazione riporta: «considerato che nell'arco temporale della graduatoria dalla quale attingere il contingente dei 900 medici potrebbero intervenire ulteriori esigenze istituzionali,

derivanti da sopravvenute prescrizioni normative legate al costituendo Polo Unico di medicina fiscale e rilevata pertanto, nella prospettata ipotesi, l'esigenza di attingere nella medesima graduatoria

il personale medico necessario per l'espletamento delle relative attività...»;


in risposta alla interrogazione n. 5-08489 presentata dalla prima firmataria del presente atto il sottosegretario Rughetti ha precisato che le «ulteriori esigenze istituzionali richiamate dalla predetta determinazione», riguardano le attività di istruttoria e l'espletamento delle visite ambulatoriali in caso di assenza al controllo presso il domicilio;


sia nell'avviso pubblico che nel contratto sottoscritto dai 900 medici convenzionati è riportato che «L'attribuzione dell'incarico è incompatibile con Io svolgimento dell'attività di medico fiscale,

in quanto iscritto nelle liste speciali su base provinciale di cui all'articolo 4, comma 10-bis, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101 convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125»;


nella risposta alla interrogazione presentata dal deputato Rizzetto n. 3-02438, il Sottosegretario Rughetti ha affermato che la prescrizione inserita nell'avviso e nel successivo contratto discende unicamente

da considerazioni di opportunità legate alla natura delicata e complessa delle funzioni che i medici convenzionati sono chiamati a svolgere, tali da richiedere che gli stessi non risultino, nemmeno potenzialmente,

in conflitto d'interesse;


a tal fine, con il messaggio 2882 del 30 giugno del 2016, la direzione generale dell'INPS ha emanato disposizioni alle sedi per sospendere, dall'incarico di medico di controllo, quelli ai quali è stato conferito

anche l'incarico di medico convenzionato;


nonostante il conflitto d'interesse, come rilevato sia dall'INPS che dal Governo, e il mancato rispetto dei principi e criteri direttivi individuati dal Parlamento con la legge delega, i 900 medici convenzionati

reclutati direttamente dall'Istituto svolgono sia attività di accertamento di invalidità civile sia visite fiscali ambulatoriali nonché attività di istruttoria che i centri medico legali dell'INPS

effettuano sulla certificazione della malattia e sui verbali delle visite –:


se il Governo, per evitare il conflitto di interessi evidenziato in premessa, sia orientato ad assumere iniziative per indicare che tutti gli accertamenti medico legali, sia domiciliari che ambulatoriali,

nonché le attività di istruttoria che i Centri medico legali INPS effettuano sulla certificazione di malattia, vengano effettuati in via prioritaria dai medici inseriti nelle liste di cui all'articolo 4, comma 10-bis,

del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101 convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125. (4-14375)