Sin.Me.Vi.Co

Sindacato Medici Visite di Controllo     							

      torna all'  indice del sito

  torna alla sezione  informazioni

  

 

 

Roma, 06 maggio 2013. Comunicato n°:  95

 

 

A tutti i medici di controllo INPS, iscritti e non iscritti al Sinmevico.

Oggetto: Sospensione visite fiscali d’ufficio, la Fnomceo chiede un incontro all’Inps.

 

 

Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Comunicato Stampa

Sospensione visite fiscali d’ufficio: la Fnomceo chiede un incontro all’Inps.

 

 

Il Comitato Centrale della FNOMCeO, riunito oggi a Roma, ha esaminato la situazione venutasi a creare

a seguito della decisione dell’INPS di sospendere le visite fiscali d’ufficio per le assenze per malattia dei lavoratori del settore privato.

 

La Federazione raccomanda ai medici certificatori - cui da sempre è affidato un delicato compito

che svolgono con professionalità e responsabilità - particolare impegno e attenzione nella situazione venutasi a creare,

nella quale disagio sociale, problemi di salute e surrettizie distorsioni del rapporto di fiducia

potrebbero indurre richieste tanto inappropriate quanto di difficile e faticosa gestione,

rappresentando la certificazione un delicato atto professionale, con risvolti anche giuridici.

 

La funzione terza del medico fiscale raffigura infatti un’ insostituibile garanzia di equilibrio del sistema,

così come la richiesta d’ufficio delle verifiche dell’INPS consente di evitare comportamenti impropri anche da parte dei datori di lavoro.

 

Il Comitato Centrale, inoltre, prende atto della difficile condizione lavorativa dei medici fiscali, il cui rapporto di lavoro,

già normato in modo atipico, viene ora messo in discussione, penalizzando soprattutto coloro che avevano scelto di dedicare

all’attività INPS la totalità o la parte prevalente della propria attività professionale, viste anche le regole di incompatibilità.

 

La FNOMCeO, pertanto, ha chiesto un incontro alla Direzione Generale dell’INPS, con la richiesta della revoca immediata di un provvedimento

che, a fronte di un apparente risparmio, rischia di aumentare in modo inappropriato le spese,

rinunciando all’apporto di professionisti la cui attività mantiene in equilibrio il sistema, con risultati tangibili sulla sua sostenibilità e sulla sua equità.