Sin.Me.Vi.Co

Sindacato Medici Visite di Controllo     							

      torna all'  indice del sito

  torna alla sezione  informazioni

  

 

 

Roma, 30 dicembre 2008. Comunicato n: 68

 

Oggetto:

Lettera inviata in data 29 novembre 2008 dal Consiglio Direttivo Sinmevico alla Direzione dell' Istituto,

come posizione formale Sinmevico circa la Circolare INPS 86.

 

 

 

SINMEVICO

Sindacato Medici di Controllo,

www.sinmevico.it 

email: contatti@sinmevico.it

fax: 06 8638 4770

 

 

Roma, 29 novembre 2008

 

Alla c.a. del

Dott. Ruggero Golino,

Direttore Centrale - Direzione Generale - Prestazione a Sostegno del Reddito,

Via Ciro il Grande 21, 00144 Roma

 

e, p.c. al

Dr. Massimo Piccioni

Coordinatore Generale Medico Legale INPS

Via Chopin 14, 00144 Roma

 

 

La scrivente Organizzazione Sindacale ha preso atto, nellincontro INPS-Sindacati

del 9 ottobre 2008, della disponibilita del Direttore, Dott. Ruggero Golino, a rivedere,

modificare ed eliminare diversi punti della Circolare INPS 86 oggetto di contestazione,

nel senso richiesto dalle Rappresentanze Sindacali presenti.

 

Premesso che

dal Testo Unico delle Disposizioni sulla Legge in generale, Capo 1, Comma 4 e Comma 12,

nessuna regolamentazione, disposizione o espressione possono contenere indicazioni contrarie

alle determinazioni fissate dalla Legge;

nellapplicare la Legge non si puo ad essa attribuire altro senso che quello reso palese

dal significato proprio delle parole secondo le intenzioni del Legislatore,

tali da sminuire e svalutare il principio generale dellordinamento giuridico,

la scrivente Organizzazione, nel confermare la piu ampia disponibilita e collaborazione

con lIstituto, invita la Direzione Generale a realizzare modifiche condivise, mantenendo inalterato il contenuto giuridico

del Decreto Ministeriale 8 maggio 2008.

 

Mantenere eventuale resistenza alle richieste significherebbe ritrattare il consenso al Decreto,

espresso al tavolo delle trattative del 11 marzo 2008 al Ministero del Lavoro.

 

 

Entrando nel merito, relativamente alla Circolare INPS 86 del 12 settembre 2008,

risulta inevitabile la contestazione di due dei suoi punti.

 

1_  la Circolare in oggetto interpreta la disposizione del Decreto 8 maggio 2008

che cita, relativamente al numero di incarichi, il numero di riferimento per gli incarichi

e di sei visite di controllo al giorno da eseguire nelle fasce di reperibilit,

come numero massimo di visite da assegnare nella giornata.

 

Tale interpretazione e certamente da contestare, essendo la disposizione del Decreto inequivocabile.

Riferimento infatti significa, senza alcun dubbio, numero a cui ci si deve riferire,

dato a cui si deve tendere.

 

La anomala interpretazione di numero di riferimento, data dalla Circolare INPS 86,

produce oltretutto tre anomalie di sicura rilevanza, che sono:

 

_ la eventuale disposizione anche di una sola visita giornaliera diventerebbe

assolutamente lecita. Infatti, se tre visite per fascia costituissero il numero massimo,

una visita sarebbe certamente un numero congruo.

 

_ richieste aziendali o disposizioni INPS, per motivi speciali o a causa di epidemie stagionali,

che fossero richieste oltre questo "numero massimo", risulterebbero non effettuabili,

facendo perdere introiti, recuperi economici e controlli, limitando cosi' anche la funzione

arginante l'abuso della protezione da malattia.

 

_ comporterebbe, in caso di non effettuabilita di visite ulteriori, a causa di questo numero massimo,

limmissione di nuovi medici di controllo, che, una volta terminata la condizione di maggior richiesta temporanea,

risulterebbero in esubero rispetto alle esigenze, con il ritorno per tutti i medici ad una condizione di sott'occupazione

gia' vissuta in passato per troppo tempo.

 

Con loccasione si fa peraltro presente che:

 

_ attualmente l integrazione delle liste e un problema estremamente relativo;

 

_ la consistenza numerica dei Medici delle Liste e stata opportunamente determinata nel 1996

con la formazione della graduatoria, dopo una accurata e responsabile selezione

sulla base di adeguati criteri, condivisi da questa Organizzazione e nel rispetto dei requisiti richiesti,

tenendo conto del bacino di utenza di ciascuna unita operativa INPS

e secondo il flusso dei certificati di malattia nel corso del biennio precedente.

I medici risultati collocabili sono stati incaricati e confermati a tempo indeterminato ad ogni rinnovo del Decreto,

come risulta anche in questo del 8 maggio 2008;

 

_ la procedura per il reintegro delle Liste dovra in ogni caso essere adottata in quelle Strutture

il cui numero dei medici risulti effettivamente carente, continuativamente

e per un periodo non inferiore a sei mesi, sentita la Commissione Provinciale Mista

ed in caso di riduzione delle richieste, si deve continuare ad adottare il criterio di equa ridistribuzione delle visite.

 

2_  il secondo punto inevitabilmente da contestare e linterpretazione della disposizione del Decreto

relativa al rimborso per le spese di aggiornamento.

 

Mentre il Decreto stabilisce un contributo forfetario di 500 annui,

la Circolare INPS 86 subordina il rimborso a numerosi vincoli, che sono :

 

_ necessita di almeno due eventi formativi

_ un evento formativo obbligatoriamente in Medicina Legale

_ un evento libero, ma poi con lesclusione di numerose aree mediche, peraltro non totalmente definte,

dato che si legge un ecc..

_ la consegna degli attestati relativi

_ la effettuazione di almeno 40 visite di controllo al mese, elemento vincolato alla disponibilita' del medico

ma anche e soprattutto alla assegnazione delle visite da parte dell'INPS. vedi "numero massimo giornaliero".

 

Tutti questi vincoli sono una alterazione strutturale della disposizione del Decreto 8 maggio 2008,

che non prevede invece condizioni, ben conoscendo il Legislatore che il medico e tenuto al suo aggiornamento professionale

e quanto questo costi in tempo e denaro.

 

Queste limitazioni indicate dalla Circolare inoltre, se possono contenere un elemento razionale, quando richiede

un aggiornamento in ambito della Medicina Legale,

che peraltro lIstituto dovrebbe avere la cura di organizzare,

sono bizzarre, perche definiscono libero un settore di scelta che invece viene poi subordinato ad una lunga lista di limitazioni,

perche riportano in modo incompleto i limiti che pongono (vedi gli ecc..),

e perche inseriscono nelle aree di esclusione settori primari come la radiologia, la geriatria, patologia clinica, farmacologia

o la biochimica.

 

Per quanto riguarda la disposizione del Decreto relativa al rimborso chilometrico extraurbano,

sara' opportuno perfezionarla in sede di rinnovo, in quanto quella attualmente prevista risulta problematica,

sia per l'effettuazione del conteggio chilometrico, sia per la non precisata delimitazione di alcuni parametri municipali attuali.

Si accenna solo, necessitando largomento di una sessione specifica, alla necessita di definire una modalita adeguata

per la individuazione del perimetro urbano della citta di Roma, a causa della sua attuale divisione in Municipi,

che comportano la sua estensione tecnica oltre il suo effettivo termine urbano.

 

Circa la ridistribuzione dei Medici, immaginare di procedere secondo criteri diversi rispetto agli attuali

e concettualmente non necessaria, perche dal 1996, ai medici vengono assegnate le visite di controllo raggruppate per CAP

prossimi alla Sede Committente, allabitazione del Medico e del Lavoratore.

Tale procedura e stata realizzata concordemente tra le sedi INPS ed i rappresentanti sindacali Sinmevico nel 1996

ed e tuttora attiva.

 

Da ultimo, non per caso, la FNOMCeO, presa visione della Circolare INPS 86,

a confronto del contenuto del Decreto Ministeriale n 86 del 8 maggio 2008,

ha ritenuto esprimere il proprio parere, inviando al Dott. Ruggero Golino, Direttore Centrale prestazioni a difesa del reddito,

una lettera a firma del Presidente Prof. Amedeo Bianco, con la quale esorta lIstituto a trovare una soluzione equa e condivisa

sugli aspetti oggetto di contestazione e sollecita comunque il rispetto dello spirito e della lettera del citato Decreto.

 

 

Distinti saluti,

Il Consiglio Direttivo Sinmevico.