Sin.Me.Vi.Co

Sindacato Medici Visite di Controllo     							

      torna all'  indice del sito

  torna alla sezione  informazioni

  

 

 

Comunicato n° 11, del 29 giugno 2006.

Incontro tra l’ Inps e il Sindacato Nazionale dei Medici delle Visite di Controllo

SI.N.ME.VI.CO 

   

 

Il giorno 26 giugno 2006, dopo ripetute richieste alla Direzione Generale Inps

per il rinnovo del D.M. 2000, l’Istituto ha convocato i rappresentanti sindacali

del Sinmevico e della Nidil Cigil.

Il dirigente del servizio ha esposto brevemente la linea guida che l’Istituto vorrebbe adottare

con riferimento alla revisione delle liste dei medici incaricati 

a seguito di graduatoria determinata con il D.M. 18/04/1996.  

La revisione dovrebbe avvenire con la rivalutazione dell’attività svolta dai medici di controllo

dal 1996 ad oggi – visite effettuate - attribuendo ad ogni visita il punteggio di 002,

tenendo conto del possesso dei requisiti richiesti nel 1996.  

L’Inps ha dato ampia assicurazione affermando che a tutti i medici inseriti nelle liste speciali

viene garantita comunque una collocazione privilegiata in graduatoria, 

sia per gli anni di attività svolta, che per il numero di visite effettuate.

Questo è stato il nodo prevalente della esposizione sul quale si è svolto un serrato,

ampio e contrastato dibattito. 

Da parte del Sinmevico è stata sottolineata la in-disponibilità ad accettare tale linea.  

Il Sinmevico si adopererà per trovare eventuali soluzioni alternative che garantiscano,

a tempo indeterminato, la continuità del lavoro.

C’è stato infatti chiesto di elaborare una proposta conciliativa che avvicini le posizioni 

espresse dall’Inps e dal nostro sindacato.

Altro argomento rappresentato è stato l’attribuzione di numero 4 visite al giorno 

per ciascun medico nelle due fascie orario ( 2+2 ) 

e di 2 visite al giorno per chi sceglie una sola fascia oraria. 

Inoltre è stato accennato il problema dei compensi che abbiamo definiti irrisori, tantè, 

che molto opportunamente, l’Istituto ha evitato, al momento, lo scontro.

Infine la futura normativa comprenderà l’adozione di una polizza assicurativa per infortuni 

in corso di attività e una tutela legale a copertura di eventuali controversie 

tra i medici di controllo, i lavoratori e le aziende richiedenti le visite, 

come da sempre il Sinmevico ha richiesto. 

Successivamente saranno definite le modalità.

Sono pervenute al Sinmevico notizie allarmanti e catastrofiche messe in circolazione 

da “qualcuno” che non era presente all’incontro del 26 giugno, la cui fonte risulta “sconosciuta,

anonima e non affidabile”. 

I colleghi medici iscritti al Sinmevico sono pregati di affidarsi ai nostri comunicati 

riportati sul sito, che rispecchiano la reale situazione sulla conduzione delle trattative.  

Cordiali saluti.

 

Il Presidente, Dr. Ignazio Casciana