Sin.Me.Vi.Co

Sindacato Medici Visite di Controllo     							

      

   elementi della trattativa. pagina di ingresso

 

  1,  medicina fiscale: ruolo, creazione, norme

  2,  medici fiscali: situazione attuale

  3,  il reale compenso in corso dei medici fiscali

  4,  risultati del servizio

  5,  differenze con la medicina delle invalidità

  6,  indicazioni governative

  7,  necessità presentate dall' Istituto

  8,  situazione generale in corso e necessità fondamentali conseguenti    aggiornato 28 giugno

  9,  differenze tra la normativa in corso e le eventuali modifiche

10,  caratteristiche del servizio e della normativa della medicina fiscale e necessità conseguenti

11,  variazioni determinate da un possibile rapporto ad ore

12,  le posizioni delle OOSS

13,  OOSS, criteri di rappresentatività

14,  necessità fondamentali in caso di variazione della normativa    aggiornato 22 giugno

15,  possibile accordo in caso di necessità di variazione della normativa  (nota preliminare)

 

torna alla  prima pagina

 

 

 

 

elementi fondamentali nella trattativa INPS-OOS 2019

per la riorganizzazione del rapporto tra Istituto e medici fiscali

 

14,  necessità fondamentali

       in caso di variazione della normativa

                                                                                                                        (aggiornato 22 giugno)

 

 

 

di seguito i punti ritenuti fondamentali da Sinmevico

in caso di necessità di variazione della normativa.

 

 

 

1,  mantenimento della separazione MF - medici delle commissioni di invalidità

 

questa separazione, attualmente operativa, deve essere mantenuta,

sia perchè previsto dall' Atto di indirizzo,

sia perchè le due funzioni presentano caratteristiche operative differenti

e una norma unica risulterebbe inevitabilmente non adatta ad entrambe.

 

la fuzione dei due gruppi determinerebbe anche, immediatamente,

il passaggio delle risorse attualmente disponibili per la MF alla M delle INV,

con effetti economici negativi per la MF.

 

 

2,  priorità dei MF delle "liste speciali"

 

la priorità nella effettuazione delle visite mediche di controllo per le assenza dal lavoro causa malattia

deve restare ai medici delle liste speciali,

in quanto la normativa esistente ha sancito questa condizione, che ha determinato anche conseguenze professionali,

la cui variazione sarebbe certamente oggetto di ricorso per non rispetto contrattuale.

una varazione di questo punto porterebbe poi

alla inevitabile prossima sostituzione del MF con specialisti medico legali.

 

 

3,  mantenimento della norma "ad esaurimento"

 

la norma attualmente in corso "ad esaurimento" deve considerarsi impegno contrattuale,

la cui eliminazione produrrebbe peraltro danni economici gravi ai MF

e possibilità conseguente di ricorso per non rispetto contrattuale.

deve quindi essere mantenuta, limitatamente ai medici che attualmente ne beneficiano,

senza possibile estensione alle integrazioni successive.

 

 

4,  carico di lavoro

 

il carico di lavoro è già adeguatamente previsto nella norma attuale,

anche se per lunghi periodi non applicato.

deve quindi essere ulteriormente definito, in modo da essere elemento ben garantito.

 

questa necessità può essere ottenuta non esclusivamente attraverso le modalità di compenso orario o misto

ora-prestazione, ma anche, soprattuto in caso di difficoltà tecniche nella applicazione di sistemi orari,

con un impegno contrattuale di garanzia di numero di visite minimo, già peraltro reso già disponibile da INPS

 

 

5,  pensionistica

 

la norma in corso non prevede età pensionabile.

una variazione che la preveda, se può essere razionale per le successive integrazioni di MF,

può essere gravemente problematica per i MF in corso, di età avanzata

e che, causa la mancata applicazione del dispositivo di legge in corso, riguardo al carico di lavoro,

sono in presenza di gravi conseguenze sulla pensionistica disponibile.

introdurre il limite di pensione per gli attuali MF comporterebbe quindi conseguenze gravi

e altre razionali possibilità di ricorso per non rispetto contrattuale.

 

 

6,  fasce di lavoro

 

le attuali fasce di lavoro sono due e debbono essere mantenute.

questo perchè si tratta di lavoro usurante (anche centinaia di km giorno, con impegno reale dalle h9 alle 20, con turni anche nei fine settimana

e necessità di aggiornamenti obbligatori),

che possono richiedere la necessità di fasi di decremento della disponibilità,

peraltro necessaria anche per il mantenimento delle capacità professionali, a tutto vantaggio del livello di operatività.

 

Sinmevico considera molto utile anche la previsione della terza combinazione, da sempre largamente ultilizzata in modo proficuo,

ovvero della possibilità di combinazioni tra le due fasce.

in questo modo si riduce al minimo la eventuale necessità di riduzione di disponibilità

e si porta al massimo la collaborazione.

 

 

7,  incompatibilità

 

non risulta razionale la creazione di incompatibilità, ad esclusione di quelle che determinerebbero conflitto di interesse

nello svolgimento dei compiti previsti per la MF,

soprattutto quando risulta presente la inevitabile organizzazione del lavoro in fasce di disponibilità.

la incompatibilità determinerebbe peraltro il deponenziamento della professionalità,

con evidenti conseguenze nelle operatività.

 

 

8,  area di attività

 

le aree di attività restano quelle attuali per i medici di liste speciali ad esaurimento,

in collegamento con gli elementi sopra riportati

 

 

9,  giorni di indisponibilità (esclusa malattia)

 

i giorni di indisponibilità che debbono essere previsti sono:

30,  per l'indispensabile periodo di ristoro feriale

22,  per il recupero di un fine settimana operativo /mese, previsto dalla turnazione di servizio

22,  per il recupero di un fine settimana /mese necessario per gli aggiornamenti obbligatori ECM,

per un totale, minimo, di 75 giorni /anno.

 

 

10,  struttura che conservi l'accesso attualmente possibile alla contribuzione 15%

 

attualmente è disponilbile la contribuzione 15%

che verrebbe persa in caso di variazione della normativa.

si tratta di un elemento economico rilevante che deve essere adeguatamente considerato ed integrato.

una dele possibilità è il  mantenimeno, temporaneo (fino all esaurimento), ed esclusivo, della normativa esistente

per i MF che ne facessero specifica richiesta.

vedi:

http://www.sinmevico.it/eltrattativa2019_14_mf_possibileaccordo_1.htm  )

 

 

 

 

 

una delle possibilità di soluzione per le necessità sopra elencate

resterebbe quindi il mantenimento della normativa in corso, a scelta del singolo medico,

e imitata ai soli MF delle liste ad esaurimento,

non quindi estendibile ai MF che dovranno integrare successivamente le posizioni progressivamente vacanti.

sezione specifica:

http://www.sinmevico.it/eltrattativa2019_14_mf_possibileaccordo_1.htm  )

 

 

 

tutti i punti riportati stanno venendo fortemente trascurati.

 

si segnala che stiamo ricevendo una forte indisponibilità generale da parte di MF di tutta Italia

a variazioni della disciplina che non rispettino almeno in punti sopra menzionati,

e con ricorrenti segnalazioni di possibili ricorsi.

 

 

 

tutti i punti riportati potranno essere aggiornati