Sin.Me.Vi.Co

Sindacato Medici Visite di Controllo     							

      

   elementi della trattativa. pagina di ingresso

 

  1,  medicina fiscale: ruolo, creazione, norme

  2,  medici fiscali: situazione attuale

  3,  il reale compenso in corso dei medici fiscali

  4,  risultati del servizio

  5,  differenze con la medicina delle invalidità

  6,  indicazioni governative

  7,  necessità presentate dall' Istituto

  8,  situazione generale in corso e necessità fondamentali conseguenti    aggiornato 28 giugno

  9,  differenze tra la normativa in corso e le eventuali modifiche

10,  caratteristiche del servizio e della normativa della medicina fiscale e necessità conseguenti

11,  variazioni determinate da un possibile rapporto ad ore

12,  le posizioni delle OOSS

13,  OOSS, criteri di rappresentatività

14,  necessità fondamentali in caso di variazione della normativa    aggiornato 22 giugno

15,  possibile accordo in caso di necessità di variazione della normativa  (nota preliminare)

 

torna alla  prima pagina

 

 

 

 

elementi fondamentali nella trattativa INPS-OOS 2019

per la riorganizzazione del rapporto tra Istituto e medici fiscali

 

1,  medicina fiscale: ruolo, creazione, norme

 

 

 

RUOLO

 

il ruolo della medicina fiscale è evidente e razionale.

consegue alla necessità di una azione di controllo nelle situazioni di sospensione dell' attività lavorativa,

a causa di malattia o infortunio,

costantemente presenti,

al fine di evitare l'abuso ed il danno sociale.

si tratta di una delle tante necessarie funzioni di controllo e di controllo dei controllori

di cui una società funzionale deve necessariemante essere dotata.

 

 

 

CREAZIONE

 

le visite fiscali sono state previste con l'Art 5 dello Statuto dei lavoratori

e di seguito dalla costituzione della disciplina per la medicina fiscale

 

 

 

NORME

 

articolo 5, commi 12 e 13, decreto-legge 13 settembre 1983, n. 463,

convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 1983, n. 638.

 

successivi decreti ministeriali 18 aprile 1996, 12 ottobre 2000 e 8 maggio 2008,

emanati ai sensi del riportato articolo 5, comma 13,

hanno proceduto alla riorganizzazione delle liste speciali dei medici fiscali (articolo 5, comma 12),

che hanno i criteri di formazione e reintegrazione delle stesse, delle graduatorie, dei punteggi, delle incompatibilità,

delle modalità di svolgimento del servizio, dei compensi e rimborsi per i medici fiscali delle liste speciali,

dei rimborsi per la gestione del servizio da parte INPS, dei meccanismi di tutela del ruolo di terzietà del medico fiscale 

a tutela del medico stesso e della salute del lavoratore (commissioni miste).

 

per l'integrazione delle normative

e la stabilizzazione dei medici delle liste speciali,

prevista nelle premesse del DM 8 maggio 2008,

art 4 comma 10-bis, decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101

convertito dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125,

modificato dall' art 1 comma 340 legge 27 dic 2013 n 147,

con cui  le liste speciali sono trasformate in liste speciali ad esaurimento (cosiddetta legge blocca liste - priorità),

nelle quali vengono confermati i medici fiscali inseriti nelle suddette liste prima del 31 dicembre 2007.

per tali professionisti è stata prevista, da parte dell'INPS, l'assegnazione in via prioritaria delle visite di controllo domiciliari

ai lavoratori assenti dal servizio per malattia.

 

Ai sensi degli articoli 18 e 22 del decreto legislativo n. 75 del 2017, di attuazione della legge delega n. 124 del 2015 (cosiddetta «riforma Madia»),

è istituito il Polo Unico per le visite fiscali,

con la previsione dell'impiego dei medici fiscali attualmente adibiti al servizio

e con del prioritario ricorso alle liste speciali ad esaurimento

di cui al richiamato articolo 4, comma 10-bis, decreto-legge n. 101 del 2013,

per tutte le funzioni di accertamento medico-legali sulle assenze dal servizio per malattia dei dipendenti pubblici,

ivi comprese le attività ambulatoriali inerenti alle medesime funzioni.

 

La legge delega n. 124 del 2015 ed il decreto legislativo n. 75 del 2017 (Riforma Madia)

identifica come unica figura professionale i medici fiscali attualmente in servizio,

con la previsione della priorità per i medici delle liste ad esaurimento

di cui al periodo precedente che da 30 anni lavorano con rapporto di lavoro libero professionale,

i quali stanno già attuando il cosiddetto Polo Unico della medicina fiscale dal 01 /09/2017.